Il file RAD questo sconosciuto

Quando si sviluppa a volte non si fa caso a quello che succede intorno ai nostri file AL. Compaiono file, succedono cose, che i più disattenti non considerano, o comunque si chiedono cosa sono o cosa sta succedendo, ma dopo la prima curiosità iniziale poi non gli si dà peso a quanto sta avvenendo.

Uno di questi file è il file rad.json. Questo file si trova nella cartella .vscode, per intenderci dove si trova il file launch.json.

Ma a cosa serve? RAD è l’acronimo di Rapid Application Development. Microsoft ha tentato di replicare un’esperienza simile a quello che si aveva nel vecchio C/Side (l’acronimo è rimasto lo stesso) che era quello di identificare un oggetto dell’applicazione modificato e compilato per vederne istantaneamente i risultati. In AL, invece, si tratta di pubblicare solo gli oggetti che sono cambiati dall’ultima pubblicazione.

Questa pratica è molto interessante per quelle app che contengono molti file, i progetti sono molto grandi e la pubblicazione risulta parecchio lenta. In questo modo possiamo pubblicare solo gli oggetti per differenza.

Solo gli oggetti applicazione, gli oggetti di personalizzazione della pagina e gli oggetti profilo vengono gestiti per RAD. Le modifiche RAD non verranno salvate in modo permanente durante il salvataggio, ma solo durante la compilazione, la pubblicazione e il debug.

Utilizzare il file RAD comporta anche delle precauzioni, nel senso che se si chiude VS Code senza che venga effettuata una compilazione, una pubblicazione o un debug tutte le modifiche contenute nel file RAD andranno perse. Questo significa che in una sessione successiva di VS Code si esegue una pubblicazione RAD, il rischio è di avere un pacchetto incompleto nonostante l’esito della pubblicazione sia andato a buon fine; pertanto è sempre consigliabile prima di chiudere effettuare una pubblicazione regolare.

Gli ID di applicazione rinominati, prima di utilizzare la compilazione RAD è consigliabile di effettuare una pubblicazione regolare poiché RAD non verifica la presenza di modifiche agli ID.

Il comando da utilizzare per effettuare pubblicazione incrementale è ALT+F5. Per effettuare, invece, un debug incrementale utilizzando RAD, il comando da utilizzare è CTRL+ALT+F5.

In un file RAD non troveremo mai impacchettati i seguenti file:

  • file di traduzione
  • file di autorizzazioni
  • file di layout rdl di report e report personalizzati
  • dati delle tabelle
  • definizioni di servizi Web

Quindi, ricapitolando, se abbiamo progetti (app) di grandi dimensioni, l’opzione di pubblicazione RAD (pubblicazione differenziale) è un’opzione da tenere in considerazione; in virtù del fatto che la notte, momento in cui vengono partoriti i migliori software, è troppo breve per essere spesa ad aspettare la compilazione di un’app di grandi dimensioni.

Spero che questo articolo ti abbia dato uno spunto in più di riflessione riguardo lo sviluppo con Microsoft Business Central. Se vuoi consultare la documentazione ufficiale ti lascio il link.

Lascia una risposta